Cooperazione Weekend

Deciso come un espresso

Caffè. Ogni svizzero ne consuma in media 2,9 dl al giorno. Derrata alimentare dall’impatto ambientale elevato, il caffè proviene da lontano e genera più o meno imballaggi. Ecco i criteri da prendere in considerazione per fare una scelta consapevole in pausa caffè.

Che tipo di caffè: un criterio primordiale è scegliere un marchio che rispetti le aree di coltivazione e i produttori, ad esempio acquistando prodotti Bio Suisse e provenienti dal commercio equo.

Meno rifiuti: il caffè macinato o in grani ­genera meno rifiuti rispetto all’imballaggio in capsule. Ed è possibile gettare la polvere usata nel compost. Ciò è possibile anche con le cialde in cellulosa. Il bilancio ecologico delle capsule varia in base alla loro composizione ed è fondamentale riciclarle. Quelle in alluminio, dovrebbero sempre essere portate in un apposito punto di raccolta, disponibili anche presso Coop.

Zucchero, latte? Se ami correggere il tuo caffè, evita se possibile gli imballaggi mono-dose. Al bar, anticipa al cameriere se non le usi, per evitare che finiscano nella spazzatura perché si sono sporcate.

Quale metodo: il caffè filtro, il caffè solubile e la mocca hanno un migliore bilancio ecologico rispetto alle caffettiere elettriche, a patto di bere tutto il caffè preparato e di scaldare solo la quantità d’acqua necessaria. Se possiedi una macchinetta da caffè automatica, puoi ­ridurre il consumo spegnendola dopo ogni utilizzo, perché la modalità standby utilizza energia per niente. Riduci anche l’impatto prendendoti cura della macchina (disincrostazione, riparazione piuttosto che gettarla via) in modo che duri più a lungo.

Prodotto della settimana

Fairtrade e bio

Due criteri basilari per un caffè sostenibile.

Caffè bio e fairtrade
La Mocca Delizio
Espresso (24 capsule),
fr. 8.45, da Coop
Caffè bio e fairtrade La Mocca Delizio Espresso (24 capsule), fr. 8.45, da Coop

Il buon esempio

Olivia Wilde

L’attrice e produttrice si impegna per un mondo più ­rispettoso dell’ambiente e per una massiccia riduzione dei rifiuti. Approfitta della sua notorietà per incoraggiare i fans a riciclare i propri vestiti e rifornirsi presso negozi di seconda mano. Appassionata di upcycling, ha ­lanciato una linea di abiti riciclati per dimostrare che indossare l’usato può essere davvero cool!

Tutto sull’iniziativa sostenibile:

Cooperazione Weekend

Un'iniziativa nata dalla collaborazione di Cooperazione e 20 minuti, i due maggiori giornali della Svizzera, per lanciare un nuovo magazine di tendenza per l'inizio del fine settimana. «Cooperazione Weekend», disponibile da subito all'interno di 20 minuti, esce tutti i venerdì in tre lingue.