Cooperazione Weekend

Sartoria senza sprechi

Lo zero waste ha raggiunto anche il settore tessile. Dalla settimana prossima, da Coop City si avrà l’opportunità di acquistare vestiti alla moda creati in base a questo principio.

Lo zero waste è di grande attualità. Ovunque si cerca di fare in modo che i prodotti generino il minor quantitativo possibile di rifiuti durante il loro ciclo di vita, dal processo di produzione all’imballaggio, fino allo smaltimento. Anche nel settore dei tessili il potenziale per tutelare le risorse è grande. Secondo l’Ufficio federale dell’ambiente, in Svizzera si gettano undici chili di abiti per persona all’anno. Se si pensa che per la produzione di una t-shirt di cotone ci vogliono circa 2720 litri d’acqua, allora lo zero waste design è il motto del futuro: nella produzione di vestiti è opportuno generare il minimo di scarti tessili.

Nella produzione di vestiti, in media il 15-30% di rifiuti deriva dal taglio. Insieme all’azienda tessile Ramei, Coop ha pertanto indetto un concorso di design per un completo a tre pezzi della linea di cotone bio Naturaline con un massimo del 5% di scarti tessili. Tra gli studenti della Scuola specializzata superiore di tecnica dell’abbigliamento e della moda di Zurigo che hanno partecipato, la collezione di Patrizia Häberli è quella che maggiormente ha convinto la giuria. La 22enne di Meinisberg (BE) ha disegnato un «outfit comodo, che può essere portato sia in casa, sia all’esterno». Oltre allo zero waste, per la giovane designer era importante anche un altro punto legato alla sostenibilità: «I pezzi sono facilmente combinabili e possono essere indossati durante più stagioni». È molto contenta che la sua collezione sarà disponibile presso Coop City già dalla settimana prossima (cfr. qui di seguito).

Prodotto della settimana

Così si vestono i vincitori

La moda incontra lo zero waste: la collezione di Patrizia Häberli.

3 pezzi, 1 Look

Zero waste di Naturaline,

  • pantaloni fr. 59.95,

  • shirt fr. 49.95,

  • bandeau fr. 19.95,

dal 1° marzo da Coop City.

Cosa significa esattamente polli da allevamento all’aperto?

Elena, 22, Laufen (BL)

Nei prati su cui si muovono i polli di Naturafarm e Naturaplan, sono predisposti arbusti, alberi e tettoie mobili. Garantendo loro ombra e aree coperte. Questi polli possono razzolare e beccare in piena libertà.

Maya Herzog, Responsabile di progetto per la protezione degli animali presso Coop

Tutto sull’iniziativa sostenibile:

Cooperazione Weekend

Un'iniziativa nata dalla collaborazione di Cooperazione e 20 minuti, i due maggiori giornali della Svizzera, per lanciare un nuovo magazine di tendenza per l'inizio del fine settimana. «Cooperazione Weekend», disponibile da subito all'interno di 20 minuti, esce tutti i venerdì in tre lingue.