Cooperazione Weekend

Pasqua con... spade e sandali

Non c’è da stupirsi se ogni anno si presenta puntualmente l’esodo pasquale. La programmazione televisiva durante il lungo weekend non invita di certo a restare a casa: film epici a tema biblico o peplum (spada e sandalo) a non finire. Eppure anche questo genere offre titoli interessanti. I nostri consigli.

In passato, quando la televisione tradizionale ­regnava incontrastata, non c’erano alternative alla programmazione stabilita dai vari canali, che a ­Pasqua era particolarmente spietata. Chi non ­aveva voglia di snervanti code in direzione sud (e poi di nuovo in direzione opposta), non aveva altra ­scelta: durante i quattro giorni di festa non si poteva fare a meno, tra gli incontri di famiglia e il pranzo di ­Pasqua, di subire la tortura di film biblici o storici come «I dieci comandamenti», «La tunica» e «Ben-Hur», proposti a ripetizione. Ai tempi, un lusso come Netflix era solo un sogno.

Sorprende dunque che le emittenti televisive pubbliche non abbiano imparato nulla. Invece di cercare di conquistarsi gli spettatori, anche nell’era dello streaming continuano a perseguitarci con Charlton Heston. Il motivo? Pensiamo che all’origine di tutto questo potrebbe esserci la Chiesa: il Venerdì Santo è considerato una delle ricorrenze cristiane più importanti in Svizzera. Per questo la programmazione si concentrava sui film ­ambientati in epoca biblica, una tendenza diventata poi un’inquietante tradizione che la modernità non è riuscita a intaccare. Per quanto ci riguarda: possiamo sì guardare film del genere peplum, ma che siano di qualità. Ecco cosa ci piace (ri)vedere e cosa vogliamo invece dimenticare.

Carro romano in legno
Wooden City,
kit di montaggio, da 12 anni,
fr. 36.95, su microspot.ch
Carro romano in legno Wooden City, kit di montaggio, da 12 anni, fr. 36.95, su microspot.ch

Hot

Non tutto ciò che è vecchio è da buttare. Spartacus, del 1960 di Stanley Kubrick, con Kirk Douglas che guida la rivolta degli schiavi a Roma, è un capolavoro da ben quattro Oscar, apprezzabile ancora oggi. Anche il satirico Brian di Nazareth dei Monty Python è ormai datato, ma continua ­ancora a piacere ai fan dell’umorismo nero. Ridley Scott ha rilanciato il peplum con Russell Crowe nei panni de Il Gladiatore, costretto a battersi nell’arena. Gli impavidi Spartani del film 300 assicurano grande intrattenimento con un peplum di azione militare, anche se questa volta l’azione non si svolge nell’Antica Roma. E prima di essere accusati di snobbare la Chiesa a Pasqua, citiamo I due papi su Netflix! Il duello tra Anthony Hopkins e Jonathan Pryce, ovvero Papa Benedetto e Papa Francesco, è una prova di grande ­cinema.

Tegame di terracotta
Modern Römertopf 2,5 kg,
fr. 44.95, da Coop City
Tegame di terracotta Modern Römertopf 2,5 kg, fr. 44.95, da Coop City
Sandali da donna
di Nero Giardini,
fr. 159.–, nei punti vendita
Coop City selezionati
Sandali da donna di Nero Giardini, fr. 159.–, nei punti vendita Coop City selezionati

Not

Nonostante la Pasqua e gli undici Oscar, ci dispiace, ma di Ben Hur ne abbiamo abbastanza. E se non riuscite proprio a fare a meno del dramma sul principe ebreo su cui si vendica l’amico d’infanzia, guardate ­rigorosamente l’originale del 1959. Nonostante l’epica durata di tre ore e mezza, è un buon film, al contrario del remake del 2016 che ha avuto un epico flop. Nuovo non è sempre sinonimo di migliore. A proposito di Charlton Heston: mettiamo anche I dieci comandamenti nella nostra lista nera, ne abbiamo già parlato a scuola nell’ora di religione. 220 minuti di film del 1956, no grazie! ­Nella nostra lista dei film buoni per grandi russate ce ne sono anche altri, ­ancora più vecchi, che sono entrati nella storia del cinema: non vogliamo più vedere Quo Vadis del 1951, La tunica con Richard Burton del 1953 e Sophia Loren in La caduta dell’Impero romano. Scusaci, Sophia, ma se proprio dobbiamo, preferiamo ­seguire una lezione di storia autentica!

Cooperazione Weekend

Un'iniziativa nata dalla collaborazione di Cooperazione e 20 minuti, i due maggiori giornali della Svizzera, per lanciare un nuovo magazine di tendenza per l'inizio del fine settimana. «Cooperazione Weekend», disponibile da subito all'interno di 20 minuti, esce tutti i venerdì in tre lingue.